lalorovoce.ienevegane@gmail.com

iene vegane odv

Importo personalizzato

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Per effettuare una donazione con bonifico tramite Home Banking , ecco i dati:

  1. Entra nel Tuo Home Banking
  2. Inserisci L' Iban dell' associazione che è: IT02Y0306909413100000000431
  3. Inserisci la cifra assegnata in precedenza sul modulo

 

Iene Vegane Odv
C.F. 97830810152

La tua donazione deducibile dalle tasse è molto apprezzata!

Termini

Totale Donazione: €1,00

L’ITALIA VIETA GLI ALLEVAMENTI DI VISONE

L'italia vieta l'allevamento di visoni: una decisione che farà la storia!

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su pinterest

Sono cinque gli allevamenti di visone ancora attivi in Italia. Il visone, nuotatore di natura, abituato perciò a percorrere km in acqua è costretto a vivere all’interno di gabbie cucite attorno al proprio corpo dove l’unica cosa che può fare è girare attorno a se stesso. I metodi di uccisione nei confronti di questi animali sono due: muoiono per anossia, venendo quindi gasati, oppure tramite l’inserzione di un elettrodo all’interno dell’ano e/o della bocca. L’italia il 21 dicembre 2021 ha deciso di porre fine a queste crudeltà. E’ una data che farà la storia. Gli ormai cinque allevamenti che sono rimasti sono costretti a sgomberare entro il 30 giugno 2022. Questa volta l’italia ha fatto passi da gigante, ha rincorso la civiltà che, in questo ambito, è riuscita a raggiungere. Dopo i casi di positività al covid19 di alcuni visoni e le ormai note brutalità il Parlamento, all’interno della legge del Bilancio, ha preso la decisione migliore riguardo alla salute dei propri cittadini e del benessere animale. Speriamo che questa decisione possa essere da promotore per la chiusura di tutti gli altri allevamenti.

Gli ultimi articoli

Mattatoio Pini Iene Vegane Presidio
Animali

TRASPORTO DI ANIMALI VIVI

Sono tantissimi gli animali che ogni anno sono costretti ad affrontare in terribili condizioni i viaggi verso la morte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Se vuoi rimanere aggiornato

iscriviti alla Newsletter