lalorovoce.ienevegane@gmail.com

iene vegane odv

Importo personalizzato

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Per effettuare una donazione con bonifico tramite Home Banking , ecco i dati:

  1. Entra nel Tuo Home Banking
  2. Inserisci L' Iban dell' associazione che è: IT02Y0306909413100000000431
  3. Inserisci la cifra assegnata in precedenza sul modulo

 

Iene Vegane Odv
C.F. 97830810152

La tua donazione deducibile dalle tasse è molto apprezzata!

Termini

Totale Donazione: €1,00

ALIMENTAZIONE VEGETALE E MALATTIE DEGENERATIVE

Cibo Vegetale
Negli ultimi anni la scienza dell’alimentazione ha fatto un incredibile balzo in avanti nel confermare i benefici della dieta vegetale per l’organismo umano.

Condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su pinterest

Negli ultimi anni la scienza dell’alimentazione ha fatto un incredibile balzo in avanti nel confermare i benefici della dieta vegetale per l’organismo umano.

Molto spesso si parla delle proprietà nutrizionali del cibo Green e su gli effetti a livello fisico trascurando il benessere che lo stesso cibo ha sulla mente e sulle funzionalità del cervello.
Un filo conduttore che lega mente e cibo influenzandosi a vicenda.
Questo è quanto emerge da una serie di importanti ricerche scientifiche prodotte in tempi recenti.

Neil Bernard, insegnante alla George Washington University ed esperto di medicina preventiva, è uno dei precursori degli effetti della corretta alimentazione per prevenire l’invecchiamento del cervello.
Nella sua opera “Super cibi per la mente”, sottolinea come la dieta vegetale, povera di metalli pesanti e priva di grassi animali, sia la migliore per la memoria e per il mantenimento di una buona funzionalità celebrale.
Una teoria condivisa in ambito italiano da Aldo Quattrone, professore e presidente della Società Italiana di Neurologia, che ha più volte sottolineato come l’alimentazione vegetale, senza derivati animali sia in grado di garantire l’apporto di minerali necessari e vitamine di cui hanno bisogno le persone affette da sindromi legate alla funzionalità del cervello e del sistema nervoso.
Scegliere i cibi da portare in tavola aumenta quindi la nostra capacità di concentrazione e la nostra prontezza di riflessi in tutte le attività quotidiane, siano esse legate al lavoro, allo sport o all’apprendimento.
Tesi sostenuta anche dal dottor David Perlmutter, autore dell’oper “Brain Maker: The Power of Gut Microbes To Heal and Protect Your Brain – For Life”, secondo cui la dieta vegetale equilibrata può avere effetti positivi sulla chimica del cervello.

Un’alimentazione ricca di micronutrienti come vitamine e minerali vegetali, con poco carico glicemico e senza grassi animali è ideale per mantenere la mente in salute e migliorare la capacità di concentrazione.
Una lezione che il campione di poker sportivo e membro del Team PokerStars Daniel Negreanu, icona vivente della disciplina mette in pratica quotidianamente. Il giocatore ( più vincente di tutti i tempi) ha scelto di adottare la dieta vegetale senza derivati animali traendone importanti benefici a livello fisico e psichico, trovando nuove energie per affrontare i più importanti tornei.

Ma quali sono i cibi che aiutano le funzioni mentali?

Se le noci sono da sempre il “cibo della mente” per eccellenza, forse non tutti sanno che anche le arachidi, ricche di polifenoli e vitamina E, sono importanti per l’alimentazione delle connessioni mentali.
Ricchi di vitamine, di Omega 3 e Omega 6, elementi fondamentali per aumentare la capacità di memorizzazione, sono i semi di zucca e i semi di girasole. Questi ultimi sono ricchi anche di minerali come magnesio, zinco e selenio, tutti ad alto potenziale anti-ossidante.
Uno degli alimenti più utili per il benessere cerebrale è il germe di grano.
Ricco di anti-ossidanti come le vitamine B ed E e di sali minerali, colina e acidi grassi integrali, è presente nei cereali integrali e ha un potenziale nutrizionale superiore a quello del germe essiccato tradizionale.
Tra le spezie, uno degli alimenti più utili al cervello è la curcuma. Utilità dovuta alla presenza della curcumina, sostanza antinfiammatoria importante per prevenire malattie degenerative e ricca di benefici per le cellule nervose.
Tre tipi di verdura hanno effetti estremamente positivi sulla mente. Stiamo parlando di spinaci, cavoli e broccoli. I primi contengono un mix di vitamine, sali e anti-ossidanti importanti per prevenire l’invecchiamento delle cellule. Gli altri due sono ricchi di vitamina C e acido folico, le sostanze più indicate per mantenere alti i livelli di attenzione e concentrazione.

Quindi per ridurre il rischio di demenze via libera a:
Verdura, legumi, frutta e cereali integrali ricchi di vitamine antiossidante, fondamentali per la salute del cervello.

Clara C.

Gli ultimi articoli

Mattatoio Pini Iene Vegane Presidio
Animali

TRASPORTO DI ANIMALI VIVI

Sono tantissimi gli animali che ogni anno sono costretti ad affrontare in terribili condizioni i viaggi verso la morte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Se vuoi rimanere aggiornato

iscriviti alla Newsletter